logo corporate
corporate
maggio 09, 2016 - Campari

Gruppo Campari - Risultati molto positivi per tutti gli indicatori di performance operativa a livello organico nel primo trimestre 2016

Espansione della marginalità operativa trainata dalla continua performance positiva dei brand   a priorità globale e a elevata redditività, e dei mercati sviluppati

DATI PRINCIPALI DEL PRIMO TRIMESTRE 2016

  •          Vendite: € 327,4 milioni (stabili a livello totale, variazione organica +7,2%, crescita organica dei brand a priorità globale +11,9%)
  •          Margine di contribuzione: € 126,7 milioni (+7,5%, variazione organica +10,5%, 38,7% delle vendite)
  •          EBITDA prima di oneri e proventi non ricorrenti: € 66,8 milioni (+18,8%, variazione organica +19,1%, 20,4% delle vendite)
  •          EBIT prima di oneri e proventi non ricorrenti: € 53,9 milioni (+21,1%, variazione organica +20,3%, +21,1% delle vendite)
  •          Utile del Gruppo prima delle imposte: €34,2 (-4,3%)
  •          Utile del Gruppo prima delle imposte rettificato per le componenti non ricorrenti: € 40,2 (+26,1%)
  •          Debito finanziario netto: € 923,1 milioni (€ 825,8 milioni al 31 dicembre 2015)

Milano, 9 maggio 2016-Il Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. (Reuters CPRI.MI-Bloomberg CPR IM) ha approvato il resoconto intermedio trimestrale di gestione al 31 marzo 2016.

Bob Kunze-Concewitz, Chief Executive Officer: 'Nel primo trimestre del 2016 abbiamo registrato risultati molto positivi per tutti gli indicatori di performance operativa a livello organico. Questi risultati sono stati ottenuti grazie alla costante implementazione della nostra strategia di crescita che ha portato al continuo miglioramento del mix delle #vendite in termini di prodotto e mercato. In particolare, i brand a priorità globale e a elevata redditività continuano a mostrare un andamento positivo e superiore alla crescita media del Gruppo, a beneficio dell'espansione della marginalità operativa. Inoltre, abbiamo conseguito una crescita organica positiva in tutte le aree geografiche di riferimento e, in particolare, nei mercati sviluppati a elevata marginalità, quali Nord America ed Europa occidentale.

Occorre tuttavia, sottolineare che, nel trimestre meno rilevante dell'anno per stagionalità del business, questi risultati sono stati impattati da alcuni eventi non ricorrenti sia positivi che negativi. Tra i positivi, si segnala che i risultati hanno beneficiato di una diversa calendarizzazione del periodo pasquale, anticipato rispetto al 2015. Inoltre, negli Stati Uniti, la performance è stata favorita dalla tempistica degli ordini che ci si aspetta vengano gradualmente riassorbiti nel corso dei trimestri successivi.

Per contro, si segnala che i risultati delle #vendite del Gruppo sono statiimpattati negativamente da una contrazione del business non-core e a bassa marginalità dello zucchero in Giamaica. Si ritiene che questa flessione, dovuta a fattori contingenti, non sia recuperabile nel corso del resto dell'anno.Guardando alla restante parte dell'anno, nonostante l'avvio d'anno molto positivo nel primo trimestre del 2016, che, per i motivi sopra evidenziati non è ritenuto ripetibile su base annua, riteniamo che gli scenari delineati a inizio anno siano sostanzialmente invariati. In particolare, con riferimento al quadro macroeconomico, riteniamo che la volatilità in alcuni mercati emergenti, nonché l'indebolimento delle principali valute rispetto all'Euro possano continuare. Contestualmente, restiamo fiduciosi nell'ottenere una performance positiva e profittevole del business, trainata, da un lato, dalla crescita delle marche a priorità globale e a elevata marginalità, in particolare gli aperitivi, il whisky americano e i rum giamaicani, e, dall'altro, dalla performance positiva dei mercati geografici strategici per il Gruppo.

Si ritiene che la crescita dei propri brand nei mercati chiave del Gruppo possa continuare a essere perseguita attraverso i continui investimenti nelle attività di rafforzamento dei brand e all'apporto positivo delle attività di innovazione, nonché della rafforzata rete distributiva del Gruppo. Infine, si segnala che con riferimento alla crescita esterna del Gruppo, nella seconda parte dell'anno il perimetro rifletterà gli effetti del contratto distributivo in esclusiva a livello globale del portafoglio spirit di Grand Marnier, nonché l'impatto del consolidamento del business di Société des Produits Marnier Lapostolle S.A.i cui effetti varieranno in funzione della tempistica e dell'esito dell'Offerta Pubblica d'Acquisto annunciata dal Gruppo Campari.'.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa da scaricare

Filtro avanzato